Home » Archivio notizie » Il saluto della parrocchia a don Gilberto Raffini: "Sempre affettuoso verso tutti" 
Facebook  Twitter  Google + 

Il saluto della comunità a don Gilberto Raffini: "Sempre affettuoso verso tutti"   versione testuale

Il 7 dicembre nella festa di Sant'Ambrogio, il parroco uscente lascerà il posto a don Marco Giordano


Era il 30 gennaio del 2010 quando Don Gilberto fece il suo ingresso trionfale a Castel del Rio. Nei mesi precedenti, di ritorno dal Brasile, si era dato disponibile nella "cattedra" vacante e, pur animato da zelo pastorale,  non sembrava accarezzare il desiderio di essere titolare della parrocchia. Ma ci ha pensato la Provvidenza, ed eccolo, dopo diverse vicissitudini, fra serio e faceto  scrutare ancora il paese dall’alto degli scalini della chiesa.
Schivo, ma non troppo, da buon montanaro, come le sue pecorelle, è stato di poche pretese; resisteva al freddo e al gelo e non disdegnava, armandosi di pala e attrezzi vari, di pulire il piazzale della chiesa e i siti circostanti, dalla neve che, in certe annate, cadeva copiosa ed abbondante. 
Sempre pronto a una buona parola e a una sottile battuta di spirito volta a sdrammatizzare le varie situazioni di disagio.
Sempre disponibile per le confessioni; trascorreva lungo tempo all’interno della chiesa con la corona e il breviario in mano.
Aperto alle varie proposte, si univa volentieri ai gruppi e alle iniziative che si svolgevano nei vari momenti dell’anno.
Non disdegnava di partecipare alle feste laiche del paese e si univa volentieri per aderire a questi momenti di convivialità.
Dal sagrato della chiesa, quasi ogni giorno scrutava, per lungo tempo il paese, pronto a colloquiare con tutti coloro che transitavano nella piazza.
Per i bambini era come un nonno, paziente, disponibile, sorridente, aperto a una carezza e ad un abbraccio soprattutto con i più piccoli. Insomma un patriarca che sentendosi a poco, a poco, mancare le forze, alza gli occhi al cielo e chiede al suo Signore di stendere la Sua mano benefica sulla sua grande famiglia.
A Don Gilberto auguriamo lunga vita, chiediamo di tenerci sempre presente nelle sue preghiere e cantiamo un grande grazie per averci accompagnato in questi anni con la sua presenza rassicurante, con le sue preghiere e le sue opere. 
A Don Marco Giordano, un solenne benvenuto fra noi. Consapevoli delle nostre fragilità cercheremo di essergli vicino e di contribuire  ad essere chiesa viva "Nello sguardo di Gesù" come recita il titolo del libro da lui scritto in occasione della discussione della sua tesi di dottorato alla facoltà di teologia di Lugano.
Il 7 dicembre, festa del patrono S. Ambrogio, domenica in cui avverrà il passaggio del testimone fra don Gilberto e don Marco, desidereremmo affidare i nostri sacerdoti e la nostra comunità ad Ambrogio vescovo che troneggia nel dipinto sull’altare maggiore.
In ultimo un grazie particolare al nostro vescovo che si è dimostrato sensibile alle problematiche emerse nella nostra parrocchia in questi ultimi anni, a don Marco Baroncini, vicario di vallata,  a tutti i sacerdoti che si sono susseguiti per coadiuvare don Gilberto nelle pratiche religiose e nella celebrazione delle Sante Messe, a Clelia e a Fabrizio e a tutti coloro che hanno dimostrato, nelle varie mansioni,  disponibilità e attaccamento alla loro Chiesa.

Curia Vescovile
Piazza Duomo, 1 - 40026 Imola (Bo)
Orario Uffici: Martedì - Giovedì - Sabato Ore 9,30 - 12,00
Tel. 0542.25000 Fax 0542.34672
Copyright